Covid-19 e i tuoi animali: ultimo aggiornamento

Leptospirosi gatto: come curare l’infezione batterica zoonotica

leptospirosi gatto

La leptospirosi gatto è un’infezione da batteri detti spirochete, che infettano i gatti quando le sottospecie della Leptospira interrogans penetrano nella pelle e si diffondono nel corpo tramite il flusso sanguigno.

Le leptospire si diffondono in tutto il corpo, riproducendosi nel fegato, nei reni, nel sistema nervoso centrale, negli occhi e nel sistema riproduttivo. Subito dopo l’infezione iniziale, si sviluppano febbre e infezione batterica del sangue, ma questi sintomi si risolvono presto con l’aumento reattivo degli anticorpi, che eliminano le spirochete dalla maggior parte del sistema.

La misura in cui questo batterio colpisce gli organi dipenderà dal sistema immunitario del tuo gatto e dalla sua capacità di sradicare completamente l’infezione. L’infezione del fegato o dei reni può essere fatale quando l’infezione progredisce, portando a gravi danni agli organi. I gatti giovani con un sistema immunitario meno sviluppato sono a maggior rischio di complicazioni gravi, così come i gatti con un sistema immunitario già compromesso.

Il batterio della leptospirosi gatto è zoonotico, il che significa che può essere trasmesso da un animale infetto all’uomo e ad altri animali. I bambini sono maggiormente a rischio di contrarre questo batterio parassitario da un animale domestico infetto.

Scopri subito le cause, i sintomi e la cura della leptospirosi gatto.

Quali sono i sintomi della leptospirosi nei gatti?

La leptospirosi gatto può manifestarsi con diversi sintomi che spesso possono essere interpretati in maniera differente. Tra la sintomatologia troviamo:

  • Febbre
  • Apatia
  • Brividi
  • Mancanza di appetito
  • L’aumento della sete ma minore minzione
  • Disidratazione rapida
  • Vomito, possibilmente con sangue
  • Diarrea – con o senza sangue nelle feci
  • Gengive rosso scuro
  • Pelle gialla e/o occhi bianchi – sintomi anemici
  • Tosse spontanea

Leptospirosi gatto: le cause

L’ infezione da Leptospirosi gatto si verifica principalmente in ambienti subtropicali, tropicali e umidi. Il batterio, infatti è più diffuso nelle zone paludose ​​con acqua superficiale stagnante. Anche i pascoli fortemente irrigati sono fonti comuni di infezione.

I gatti tipicamente entrano in contatto con i batteri leptospira nel terreno o nel fango infetto, perché bevono o si trovano in acqua contaminata o entrano in contatto con l’urina di un animale infetto. I gatti che vivono vicino a zone boschive o che vivono vicino a fattorie corrono un rischio maggiore di contrarre i batteri. A maggior rischio sono anche i gatti che hanno trascorso del tempo con altri animali, come nei canili.

Diagnosi della Leptospirosi nel gatto

Poiché la leptospirosi è una malattia zoonotica, il tuo veterinario sarà particolarmente cauto nel maneggiare il tuo gatto e ti consiglierà vivamente di fare lo stesso. Guanti protettivi in ​​lattice devono essere sempre indossati e tutti i fluidi corporei saranno trattati come materiali biologicamente pericolosi. Urina, secrezione, vomito e qualsiasi fluido che lascia il corpo dovranno essere maneggiati con estrema cautela.

Dovrai fornire una storia completa della salute del tuo gatto, inclusa una storia dei sintomi, delle attività recenti e dei possibili incidenti che potrebbero aver accelerato questa condizione. La storia che fornisci può fornire al tuo veterinario indizi su quale fase dell’infezione sta vivendo il tuo gatto e quali organi sono più colpiti.

Il veterinario ordinerà quindi un profilo ematico chimico, un esame emocromocitometrico completo, un’analisi delle urine, un pannello elettrolitico e un test delle urine con anticorpi fluorescenti. Verranno inoltre prescritte le urine e le emocolture per esaminare la prevalenza dei batteri. Verrà eseguito un test per misurare la risposta immunitaria del gatto all’infezione misurando la presenza di anticorpi nel flusso sanguigno. Ciò aiuterà a identificare definitivamente le spirochete di Leptospira e il livello di infezione sistemica che si sta verificando.

Trattamento della leptospirosi del gatto

Il tuo gatto dovrà essere ricoverato in ospedale se è gravemente malato a causa dell’infezione batterica da Leptospirosi gatto. La terapia fluida sarà il trattamento principale per invertire gli effetti della disidratazione. Se il tuo gatto ha vomitato, può essere somministrato un farmaco anti-vomito, chiamato antiemetico, e un tubo gastrico può essere utilizzato per fornire nutrimento se la capacità del tuo gatto di mangiare o di trattenere il cibo è ostacolata dalla malattia. Potrebbe essere necessaria anche una trasfusione di sangue se il tuo gatto ha avuto gravi emorragie.

Gli antibiotici verranno prescritti dal veterinario per un ciclo di almeno quattro settimane, con il tipo di antibiotico dipendente dallo stadio dell’infezione. Le penicilline possono essere utilizzate per le infezioni iniziali, ma non sono efficaci per eliminare i batteri una volta che hanno raggiunto lo stadio di portatore. La prognosi per il recupero è generalmente positiva, salvo gravi danni agli organi.

Vita e gestione di un gatto con leptospirosi

In Italia è altamente consigliato il vaccino leptospirosi gatto per la prevenzione di questa infezione batterica. Il veterinario può consigliarti sulla disponibilità e l’utilità di questo vaccino.

L’attività dovrebbe essere limitata al riposo in gabbia mentre il tuo gatto si riprende dal trauma fisico di questa infezione. La leptospirosi è una malattia zoonotica, trasmissibile all’uomo e ad altri animali attraverso l’urina e le secrezioni. Mentre il tuo animale è in fase di trattamento, dovrai tenerlo isolato da bambini e altri animali domestici e dovrai indossare guanti protettivi in ​​lattice quando maneggi il tuo animale domestico in qualsiasi modo, o quando maneggi fluidi o prodotti di scarto dal tuo animale domestico. Le aree in cui il tuo animale ha urinato, vomitato o ha eventualmente lasciato qualsiasi altro tipo di fluido devono essere pulite e disinfettate accuratamente con disinfettanti a base di iodio o soluzioni di candeggina. I guanti devono essere indossati durante il processo di pulizia e successivamente smaltiti correttamente.

Infine, se hai altri animali domestici o bambini in casa, potrebbero essere stati infettati dal batterio leptospira e non stanno ancora mostrando i sintomi. Potrebbe valere la pena far testare loro (e voi stessi) per la presenza dei batteri. È anche importante tenere presente che le leptospire possono continuare a essere emesse attraverso l’urina per diverse settimane dopo il trattamento e l’apparente guarigione dall’infezione.

Infine, vi consigliamo vivamente la somministrazione del vaccino leptospirosi gatto a 8 settimane dalla nascita e con un richiamo ogni 12 mesi, poiché il vaccino copre dell’infezione solo per un anno.


Credits: DanaTentis 

Se vuoi maggiori informazioni
Chiamaci. I nostri veterinari sapranno consigliarti al meglio
error: Content is protected !!