Covid-19 e i tuoi animali: ultimo aggiornamento

Filariosi nel gatto: come prevenire la filariosi cardiopolmonare

filariosi nel gatto

Cos’è la filariosi del gatto?

La filariosi nel gatto è una malattia grave e potenzialmente fatale negli animali domestici. È causato da vermi lunghi che vivono nel cuore, nei polmoni e nei vasi sanguigni degli animali domestici colpiti, causando gravi malattie polmonari, insufficienza cardiaca e danni ad altri organi del corpo.

Il cane è un ospite naturale per la dirofilaria. Se non vengono trattati, il loro numero può aumentare e si sa che i cani ospitano diverse centinaia di vermi nei loro corpi. La filariosi cardiopolmonare provoca danni permanenti al cuore, ai polmoni e alle arterie e può influire sulla salute e sulla qualità della vita del cane molto tempo dopo che i parassiti sono scomparsi.

La filariosi cardiopolmonare nel gatto è molto diversa dalla filariosi cardiopolmonare nel cane. Il gatto è un ospite atipico per la filaria e la maggior parte dei vermi nei gatti non sopravvive allo stadio adulto. Anche se questo significa che la filariosi cardiopolmonare spesso non viene diagnosticata nei gatti, è importante capire che anche i vermi immaturi causano danni reali sotto forma di una condizione nota come malattia respiratoria associata alla filaria. Inoltre, il farmaco utilizzato per trattare le infezioni da filariosi cardiopolmonare nei cani non può essere utilizzato nei gatti, quindi la prevenzione è l’unico mezzo per proteggere i gatti dagli effetti della filariosi cardiopolmonare.

Filaria gatto: come si trasmette?

La zanzara svolge un ruolo essenziale nel ciclo vitale della filaria. La filaria femmina adulta che vive in un cane, una volpe, un coyote o un lupo infetto produce piccoli vermi microscopici chiamati microfilaria che circolano nel flusso sanguigno. Quando una zanzara morde e prende una parte di sangue da un animale infetto, raccoglie questi piccoli vermi, che si sviluppano e maturano in larve di “stadio infettivo” in un periodo di 10-14 giorni. Quindi, quando la zanzara infetta morde un altro cane, gatto o animale selvatico sensibile, le larve infettive si depositano sulla superficie della pelle dell’animale ed entrano nel nuovo ospite attraverso la ferita del morso della zanzara. Una volta all’interno di un nuovo ospite, ci vogliono circa 6 mesi affinché le larve maturino in filariosi adulti. Una volta mature, le dirofilarie possono vivere dai 5 ai 7 anni nei cani e fino a 2 o 3 anni nei gatti.

Filariosi nel gatto: sintomi

I segni della filariosi cardiopolmonare nei gatti possono essere molto lievi o molto drammatici. I sintomi possono includere tosse, attacchi simili all’asma, vomito, mancanza di appetito o perdita di peso. Occasionalmente un gatto affetto può avere difficoltà a camminare, avere svenimenti o convulsioni o soffrire di accumulo di liquidi nell’addome.

Filaria gatto: diagnosi

La filariosi nel gatto è una malattia grave e progressiva. Prima viene rilevato, maggiori sono le possibilità che l’animale si riprenda. Ci sono pochi, se non nessuno, primi segni di malattia quando un cane o un gatto viene infettato da filariosi cardiopolmonari, quindi è importante rilevare la loro presenza con un test della filaria somministrato dal veterinario. Il test richiede solo un piccolo campione di sangue dal tuo animale domestico e funziona rilevando la presenza di proteine ​​della filaria. Se il tuo animale domestico risulta positivo, possono essere eseguiti ulteriori test.

Quando dovrebbe essere testato il mio gatto?

L’infezione da filariosi nel gatto è più difficile da rilevare rispetto ai cani, perché i gatti hanno molte meno probabilità dei cani di avere filariosi adulti. Il metodo preferito per lo screening dei gatti include l’uso sia di un test antigene che di un test anticorpale. Il veterinario può anche utilizzare i raggi X o gli ultrasuoni per cercare l’infezione da filariosi cardiopolmonare. Poiché non esiste un trattamento approvato per l’infezione da filariosi cardiopolmonare nei gatti, la prevenzione è fondamentale.

Come si cura la filariosi nel gatto?

Come i cani, i gatti possono essere infettati dalla filaria. Esistono tuttavia differenze nella natura della malattia e nel modo in cui viene diagnosticata e gestita. Poiché un gatto non è un ospite ideale per la filaria, alcune infezioni si risolvono da sole, sebbene queste infezioni possano lasciare i gatti con danni al sistema respiratorio.

Ecco cosa aspettarsi se il tuo gatto risulta positivo alla filaria:

  • Diagnosi. Mentre i cani infetti possono avere 30 o più vermi nel cuore e nei polmoni, i gatti di solito ne hanno 6 o meno e possono averne solo uno o due. Ma mentre la gravità della filariosi cardiopolmonare nei cani è correlata al numero di vermi, nei gatti solo uno o due vermi possono far ammalare gravemente un gatto. La diagnosi può essere complicata e richiede un esame fisico, una radiografia, un esame emocromocitometrico completo e diversi tipi di analisi del sangue. Può anche essere eseguita un’ecografia.
  • Filariosi gatto: terapia. Sfortunatamente, non esiste una terapia farmacologica approvata per l’infezione da filariosi nel gatto e il farmaco usato per trattare le infezioni nei cani non è sicuro per i gatti. Tuttavia, i gatti con la filariosi cardiopolmonare possono essere aiutati con una buona assistenza veterinaria. L’obiettivo è stabilizzare il tuo gatto e determinare un piano di gestione a lungo termine.
  • Controlla il tuo gatto. Se il tuo gatto non mostra segni di difficoltà respiratoria, ma sono stati rilevati vermi nei polmoni, possono essere raccomandate radiografie del torace ogni 6-12 mesi. Se si notano sintomi lievi, possono essere somministrate piccole dosi di antinfiammatorio per aiutare a ridurre l’infiammazione.
  • Fornisci assistenza veterinaria. Se la malattia è grave, potrebbe essere necessario un supporto aggiuntivo. Il tuo veterinario potrebbe consigliarti il ricovero in ospedale per fornire terapia, come fluidi per via endovenosa, farmaci per trattare i sintomi polmonari e cardiaci, antibiotici e assistenza infermieristica generale. In alcuni casi, può essere possibile la rimozione chirurgica delle dirofilarie.
  • Prevenzione filariosi nel gatto. Un gatto che ha sviluppato la filariosi cardiopolmonare ha dimostrato di essere suscettibile all’infezione e quindi di essere a rischio. È importante somministrare mensilmente al tuo gatto dei preventivi contro la filariosi cardiopolmonare, che sono disponibili sia in forma spot-on che in forma di pillola. I preventivi impediscono lo sviluppo di nuove infezioni se una zanzara infetta morde di nuovo il gatto.

Esiste un vaccino per la filariosi nel gatto?

No. Al momento non esiste un vaccino disponibile in commercio per la prevenzione della filariosi cardiopolmonare nei cani o nei gatti. In questo momento, la filariosi cardiopolmonare può essere prevenuta solo attraverso l’uso regolare e appropriato di farmaci preventivi, prescritti dal veterinario. Questi farmaci sono disponibili come iniezione masticabile una volta al mese, una volta al mese e un’iniezione due volte l’anno. Dovresti determinare l’opzione migliore per il tuo animale domestico parlando con il tuo veterinario. Molti dei farmaci hanno l’ulteriore vantaggio di prevenire anche altri parassiti.

Potrebbe anche interessarti: filaria nel cane

PhotoCredits CC: Katzenspielzeug

Prenota qui la sterilizzazione per il tuo animale
Chiamaci senza impegno.
error: Content is protected !!