Come educare un Gatto Aggressivo

gatto aggressivo

Sfortunatamente, l’aggressività nei gatti non è rara; infatti, è la seconda ragione più comune per una visita a un comportamentista. Un’aggressione improvvisa nei gatti è un problema fastidioso e frustrante per molti proprietari, che temono la natura imprevedibile della furia del micio e i danni fisici di morsi e graffi

Oltre alla natura dolorosa dei morsi e dei graffi di gatto, questi possono anche trasmettere malattie. L’aggressione dei gatti non è una questione da sottovalutare. 

Che aspetto ha l’aggressività nei gatti?

I gatti spesso mostrano cambiamenti sottili nel posizionamento del corpo prima di lanciarsi in un vero e proprio atto di aggressione. Queste posture possono essere un avvertimento prima di attacchi futuri.

Posture difensive in un gatto aggressivo

Le posture difensive hanno lo scopo di far sembrare un gatto più piccolo per proteggersi da attacchi esterni. Un gatto difensivo sta spesso sperimentando paura o ansia per una situazione che magari a noi non è evidente.

Queste posture possono includere:

  • accovacciarsi
  • orecchie basse
  • sedere alzato
  • corpo schiacciato
  • si sta allontanando da te
Posture offensive in un gatto aggressivo

Le posture offensive fanno sembrare un gatto grande e intimidatorio. Queste posture includono:

  • zampe rigide
  • sedere sollevato
  • ti fissa e si muove verso di te
  • orecchie dritte
  • coda rigida
  • ringhi

In entrambi i casi è meglio evitare di interagire con un gatto che mostra queste posizioni, poiché è sul punto di fare mosse più dannose. Un gatto in modalità di attacco può muoversi con sorprendente velocità e aggressività e infliggere ingenti danni in un periodo molto rapido.

Potrebbe interessarti: Perchè i gatti mordono?

Gatto aggressivo. Quali sono le cause?

Le cause di aggressività nei gatti sono varie. Bisogna prendere in considerazione la storia completa del gatto per capire da dove deriva il comportamento aggressivo del gatto.

Queste sono le principali cause di aggressione del gatto:

  • L’aggressività causata dalla paura. È innescata da un gatto che percepisce una minaccia a cui non può sfuggire. Questo può essere un comportamento dovuto a un’esperienza passata che potrebbe essere difficile da individuare;
  • L’aggressività causata da una condizione medica. Il dolore dovuto a qualche malattia è una delle cause più improvvise dell’aggressività, in particolare nei gatti anziani o in coloro che hanno sempre avuto un temperamento calmo. Artrite, malattie dentali, traumi e infezioni sono solo alcune delle condizioni che possono causare dolore e aggressività quando un gatto viene toccato. Oltre al dolore, possono portare aggressività anche problemi cognitivi, una perdita di input sensoriali normali o problemi neurologici;
  • L’aggressività territoriale. Si verifica quando un gatto sente che un intruso sta violando il suo territorio. Anche se spesso diretto verso altri gatti, anche le persone e altri animali possono essere oggetto di aggressione. I gatti possono diventare aggressivi se viene introdotto un nuovo animale domestico o anche una nuova persona nella casa.
  • L’aggressività quando si sentono bloccati. Questo tipo di aggressività si verifica quando si tenta di spostarli, bloccare loro le porte o le uscite.
  • L’aggressività indotta dal gioco.  Si pensa che il movimento ripetitivo nel tempo si trasformi da piacevole a irritante e induca il gatto a mostrare segni di aggressività.
  • L’aggressività diretta. É uno dei tipi più imprevedibili e pericolosi di aggressione felina. In questi casi, un gatto è in uno stato ipereccitato da una sorta di stimolo esterno: un animale all’esterno che non può inseguire, un rumore o un odore spaventoso, che può spingere il gatto a diventare aggressivo.

Potrebbe interessarti anche: 10 passi fondamentali per introdurre un nuovo gatto in casa

Cosa devo fare se il mio gatto diventa improvvisamente aggressivo?

La prima tappa ogni volta che un gatto mostra questi segni aggressivi è chiamare il veterinario. Può esaminare il tuo gatto e assicurarsi che non vi sia qualche malattia che causi questo comportamento.

Se il veterinario non individua nessuna condizione medica problematica, può indirizzarti verso un comportamentista che ti può aiutare a determinare i fattori scatenanti dell’aggressività e ti indicherà cosa fare.

 

 


PhotoCredits CC: hhach

Se vuoi maggiori informazioni
Chiamaci. I nostri veterinari sapranno consigliarti al meglio

Contattaci per maggiori informazioni

02 94 75 75 74