Eutanasia del cane: quando è il momento di dire addio

eutanasia cane
[Voti: 12    Media Voto: 3.1/5]

Decidere di mettere fine alla sofferenza del nostro cane non è mai facile. È una questione sui cui molte persone preferiscono non parlare, fino a quando non sono costrette a farlo. È molto importante però essere preparati e sapere cosa vi aspetterà prima, durante e dopo l’eutanasia del cane.

Eutanasia: che cos’è?

L’ eutanasia è l’atto di porre dolcemente fine alla vita di un animale con lo scopo ultimo di evitargli inutili sofferenze.

La soppressione del proprio cane rappresenta la soluzione ultima che deve essere presa in accordo con il veterinario e dopo una rigorosa e precisa riflessione.
In particolare il veterinario dovrà valutare con attenzione due principali aspetti: da un lato la qualità della vita del cane e dall’altro le ripercussioni sulla vostra vita quotidiana.

Il veterinario ha un ruolo chiave. È in grado di capire quando il cane non può più continuare a vivere senza soffrire troppo e in modo emotivamente distaccato deve farvi comprendere quando l’accanimento terapeutico non ha più senso.

In linea generale è opportuno prendere in considerazione l’ipotesi dell’ eutanasia quando la qualità di vita dell’animale non è più accettabile. Come in caso di cani anziani oppure malati agli ultimi stadi di una patologia incurabile, per la quale le cure palliative non hanno più effetto.

Eutanasia del cane a domicilio

Eutanasia a domicilio è il modo più dolce per porre fine alla sofferenza del vostro cane. Gli eviterete un’ultima fonte di stress e paura, causata dalla visita in clinica. Potrà addormentarsi sulla sua poltrona preferita, vicino ai suoi giochi.

Potrebbe interessarti anche: Eutanasia del gatto

Il cane prova dolore?

L’ eutanasia avviene attraverso la somministrazione di una dose fatale di medicinale. Questa porta alla perdita di coscienza e alla morte nel giro di un paio di minuti. Il cane è incosciente e non sente dolore. Generalmente si nota un semplice rilassamento, come se stesse andando a dormire. Il respiro rallenta fino a fermarsi.
Dopo la morte ci potrebbero essere alcuni eventi, che sono del tutto normali e involontari come:

  • ci potrebbe essere un ultimo ansimante respiro;
  • gli occhi non si chiudono;
  • ci potrebbe essere degli spasmi muscolari;
  • il cuore potrebbe continuare a battere per alcuni secondi dopo che il respiro si è fermato;
  • la vescica urinaria ed eventualmente i contenuti intestinali saranno rilasciati;
  • ci potrebbero essere dei rantolii;

soppressione cane

Eutanasia del cane: prima

Prima dell’arrivo del veterinario a casa bisogna decidere se volete essere presenti durante la procedura. Assistere può essere molto sofferente e difficile da gestire, ma la vostra presenza sicuramente conforterà il vostro cane nei suoi ultimi momenti di vita. Prendetevi il vostro tempo per dirgli addio

Eutanasia del cane: durante

Da un punto di vista pratico, per evitare qualsiasi fonte di disagio o paura nel cane, quest’ultimo viene prima anestetizzato, ovvero gli viene iniettato per via intravenosa un farmaco anestetico che induce l’animale in uno stato di sonno profondo.
Talvolta, nel caso in cui il cane sia particolarmente agitato o di difficile gestione, prima dell’induzione sopra descritta viene eseguita una sedazione attraverso una puntura intramuscolare che nel giro di 15-20 minuti calma il cane e rende più semplice l’inserimento dell’accesso venoso dove verrà poi eseguita l’iniezione endovenosa.

Quando l’animale dorme viene iniettato il Tanax, unico farmaco legale per l’eutanasia dell’animale. Il Tanax contiene l’embutramide che ha azione narcotica e paralizzante, il mebenzonio ioduro che paralizza la muscolatura striata scheletrica e respiratoria; la latetracaina che è un anestetico locale.
Lo scopo è far passare l’animale dal sonno profondo alla morte dolcemente, attraverso un azione rapida ed indolore. Il suo respiro si farà più lento fino a fermarsi nel giro di qualche secondo. Il cuore smetterà di battere subito dopo.

Eutanasia del cane: dopo

Una volta somministrata la soluzione, il veterinario ascolterà il cuore del vostro cane e ne confermerà la morte. A questo punto il veterinario uscirà dalla stanza e vi lascerà da soli con il vostro pelosetto. Sarete voi a decidere quando vi sentirete pronti a lasciarlo andare.
Dopodiché dovrete scegliere se per il vostro cane preferite una cremazione che può essere comune o individuale. O in caso possediate un giardino, una sepoltura privata.
Esistono varie società dislocate sul territorio che offrono questo tipologia di servizio, è sufficiente accordarsi telefonicamente sul orario di ritiro del corpo post-eutanasia.

Il lutto per la soppressione del cane

Superare la perdita del proprio animale richiede tempo e ognuno la gestirà in modo differente. Soprattutto per i bambini hanno difficoltà ad  accettare quando muore un cane. può essere difficile da accettare. Non c’è un modo giusto o sbagliato di farlo. Ricordate i bei momenti che avete trascorso con lui.
Puoi pensare a qualcosa di speciale per commemorarlo. Una pianta o un albero in onore del tuo cane, se ne hai la possibilità, potrebbe essere un’idea.
Un altro modo che può essere utile per qualcuno per superare il dolore è la scrittura. Una poesia, una storia o un tributo scritto possono aiutarti a dire addio al tuo amato animale con le parole.


Photo Credits CC: seasq68; Tiinuska

 

Eutanasia a domicilio
Contatta il veterinario per avere maggiori informazioni

 

Contattaci per maggiori informazioni

02 94 75 75 74